Intervista al presidente Giovanni Caprino per la newsletter di luglio di Cluster BIG

Quali sono gli obiettivi di questa newsletter rinnovata nell’immagine e nella forma?

La newsletter continuerà ad essere lo strumento informativo privilegiato per rimanere aggiornati sulle attività del Cluster, sui progetti in corso, sui principali eventi e per approfondirne gli aspetti più rilevanti. Ma vuole essere sempre di più anche a disposizione dei soci e degli stakeholders del mare per raccontarsi, condividere le proprie informazioni, moltiplicare le occasioni di visibilità per le proprie attività ed i propri progetti.

Per favorire lo scambio di informazioni, in ogni numero della newsletter saranno presenti brevi interviste rivolte ai soci. In questo primo numero ho voluto rompere il ghiaccio personalmente, ma auspico davvero una grande partecipazione da parte di tutti i nostri associati. Sono certo che da questo spazio potranno emergere informazioni utili e tanti spunti per le attività del Cluster. 

Al tempo stesso la newsletter sarà un’occasione di confronto tra i principali interlocutori istituzionali, associativi e imprenditoriali dell’Economia del Mare italiana. 

Il nuovo Governo sembra dare al mare una nuova centralità, con l’istituzione del Ministro per le Politiche del Mare e del CIPOM. 

Già nel 2012 l’Economia del Mare è stata inserita tra gli ambiti tecnologici e applicativi ritenuti strategici per l’Italia, in grado di affermare la centralità del nostro Paese nel contesto euro-mediterraneo. Per questo è nato il nostro Cluster.

È indubbio, però, che con l’istituzione del nuovo Ministro e del CIPOM, l’Economia del Mare assume quella valenza politica necessaria per orientare realmente gli investimenti e le strategie nazionali.

Oggi è evidente che il mare è un’opportunità. Noi ci posizioniamo nel mondo per il nostro alto livello tecnologico e mai come in questo momento dobbiamo mettere insieme tutto il processo di innovazione, ricerca e alta tecnologia industriale. Ora bisogna accelerare.

Che ruolo può svolgere il Cluster in questo contesto?

Il nostro è l’unico Cluster Tecnologico Nazionale sull’Economia del Mare, istituito e riconosciuto dal Ministero della Università e della Ricerca per rafforzare il collegamento tra mondo della Ricerca e quello delle Imprese, tra Università e Industrie, tra pubblico e privato.

CTN BIG in questo contesto può e deve rappresentare, con ancora più evidenza, l’elemento di congiunzione per favorire lo sviluppo tecnologico della Blue Economy e con esso la competitività del Sistema Mare italiano.

184 Views